Privacy Policy

Cos’è cambiato e cosa cambierà nel settore immobiliare con il Covid-19

Il Coronavirus e la consecutiva pandemia hanno influenzato tutti i settori commerciali. L’immobiliare ha dovuto subire una forte battuta d’arresto, dovendo rallentare e diminuire le vendite per mesi.

 

Le effettive conseguenze legate allo sviluppo del virus iniziano a vedersi, con un calo dei prezzi consistente ed una domanda ridotta rispetto alle statistiche pre-Covid.

Il settore immobiliare dovrà inevitabilmente adattarsi alle nuove esigenze e alle nuove direttive. Gli uffici e gli agenti saranno costretti a rivoluzionare il proprio modo di lavorare, così come quello di approcciare la clientela.

 

Cosa sta succedendo in Italia

Non si può ancora parlare di “cirsi” del settore immobiliare. Attualmente, così come afferma Mario Breglia – il presidente di Scenari Immobiliari – si parla di rallentamento e cambiamento.

L’avvento dello Smartworking ha portato tutte le aziende ad avvicinarsi irrimediabilmente alla tecnologia. Il legame sempre più stretto con il lavoro “via web” diventerà impossibile da sciogliere, e il modo di affacciarsi al settore terziario cambierà totalmente.

 

Se da un lato le agenzie immobiliari tentano di recuperare il terreno perduto durante il Lockdown, il governa sembra non essere d’aiuto. Al contrario, le banche hanno smesso di rispondere al telefono per gli appuntamenti. Si limitano alle operazioni più semplici, in modo da ridurre i tempi di attesa e il numero di persone negli uffici.

Così facendo, aprire un mutuo per l’acquisto di casa sembra quasi impossibile, se non comunque un processo lentissimo. I cittadini non sono più invogliati ad acquistare ed il governo ha volutamente ridotto l’attenzione su un settore che copre circa un quinto del PIL.

 

Cosa Cambierà

Secondo le previsioni, i prossimi mesi (almeno fino a Dicembre) saranno caratterizzati da diversi problemi di assestamento. Sia le agenzie che i clienti proveranno a riadattarsi al mondo dopo il Coronavirus e a capire come muoversi.

 

Si prevede un aumento della domanda di immobili di qualità, realizzati secondo le nuove norme e in grado di offrire un ambiente sicuro. Sotto questo punto di vista, il settore sanitario sarà quello più colpito dagli investimenti.

Investire nelle cliniche e negli ambienti legati alla sanità costituirà un asset class primario, una fonte di guadagno sicura ed irrinunciabile. Chi investe nell’immobile da anni sa che, al momento, il sanitario è il settore più interessante da tenere sotto controllo.

 

Nonostante le preoccupazioni di Maggio, si prevede che il settore Turistico riuscirà a riprendersi dalla crisi. Addirittura potrebbe portare giovamento a quello immobiliare.

Difatti, aumenteranno gli investimenti in case ed alberghi che rispondono ai nuovi requisiti di sicurezza imposti; questi istituiti copriranno i precedenti e ne prenderanno il controllo.

 

Il settore residenziale resta comunque il più colpito dall’emergenza Coronavirus.

L’aver vissuto settimane tra le mura di casa ha fatto rivalutare ai cittadini l’idea di spazio. Se nel 2019 i monocali hanno rappresentato uno degli investimenti più scelti, nel 2021 è probabile che verranno scelti immobili con almeno una stanza in più.

La domanda residenziale aumenterà e, così come nel caso del settore immobiliare, avrà bisogno di ambienti studiati appositamente per le nuove esigenze. Non bisogna fermarsi all’assenza di domanda ma prepararsi a ciò che verrà ed avere già una strategia pronta.

 

Ad esempio, diverse sono le agenzie che hanno già iniziato a lavorare ad un riadattamento delle residenze specializzate per anziani e per studenti, in modo da offrire prodotti completi e pronti all’uso.

 

Cosa e Come conviene Acquistare

Come abbiamo detto, il settore residenziale è sempre un’assicurazione. E’ molto probabile che la domanda continui a salire nei prossimi mesi. In particolare, puntate sulle case con balconi o giardini, che rappresentano l’elemento più richiesto al momento.

Consigliamo poi sicuramente di investire nelle residenze sanitarie, che almeno per il prossimo anno avranno un boom di richieste da soddisfare.

 

Per quanto riguarda l’acquisto, la vendita privata si sta riducendo sempre di più. Un’alternativa che potrebbe essere interessante è quella delle aste immobiliari. Soprattutto in questo periodo, considerando il leggero calo dei prezzi di vendita, le aste sono un ottimo investimento ed un modo per ottenere prodotti di qualità per una cifra accessibile.

 

Restando nel tema dell’avvicinamento alla tecnologia, le Aste Immobiliari online stanno diventando sempre più famose. Erano già state introdotte ma la Pandemia ne ha accelerato il processo di sviluppo. Tra di esse,  AstaFlash.it sta realizzando un piano di aiuto ed informazione molto interessante.

Ad ogni cliente viene offerto un punto di vista professionale e sicuro, con consulenze finanziarie e architettoniche di qualità. Lo scopo è quello di trasmettere sicurezza ai nuovi compratori, ed aiutarli in una scelta consapevole e giusta.

 

 

 

 


X